Oggi parliamo di masticativi per il cane

Osservando i cuccioli spesso noteremo che tendono a rosicchiare un po’ tutto ciò che incontrano; questo comportamento è insito nei canidi (quali sono lupo, volpe, cane) ed ha delle specifiche funzioni in natura.

Anzitutto è utile ricordare che la bocca nel cane è assimilabile alle nostre mani con cui il nostro amico a 4 zampe può esplorare il mondo e conoscerlo meglio, l’uso quindi di quest’ultima in tal senso è perfettamente naturale (e necessario). Durante i primi mesi di vita inoltre i cuccioli usano masticare lungamente vari oggetti anche per lenire il fastidio dovuto al cambio dei denti.

Infine la masticazione prolungata contribuisce all’igiene dentale.

Al di là di queste premesse empiriche è però opportuno capire meglio perché la masticazione dei cani rappresenta un’attività fondamentale al miglioramento del loro benessere fisico, ma anche psicologico.

Durante la masticazione, infatti, vengono liberati importanti neurotrasmettitori come le endorfine e la serotonina che intervengono come antagonisti del cortisolo e dell’adrenalina e quindi nell’abbassamento di ansia, stress, paure e agitazione, nel miglioramento dell’umore e nell’aumento della calma, della capacità di attenzione e apprendimento e in generale del benessere psicofisico.

Va da sé che l’uso di masticativi può intervenire positivamente per il controllo dell’ansia da separazione del cane, nel caso di cani particolarmente agitati o nel caso di cani stressati per carenza di attività fisica, anche se in quest’ultimo caso sarebbe corretto prima riflettere se davvero non sia possibile aiutare il nostro amico a quattro zampe magari con passeggiate più varie e prolungate o con un’attività di gioco condiviso più rilevante.

E’ poi importante scegliere i giusti masticativi per il cane perché troppe volte accade di vedere in bocca ai nostri adorati amici oggetti che non solo non aiutano correttamente l’attività masticatoria, ma possono spesso divenire un vero e proprio pericolo per la salute stessa del cane;

In particolare sono da evitare tutti gli oggetti improvvisati come vecchi peluche o oggetti in plastica che possono rompersi in pezzi più piccoli che a loro volta possono essere ingeriti, ossa vere e proprie che rompendosi possono arrecare danni all’apparato digerente e in generale qualsiasi cosa non sia stata pensata allo scopo quanto meno per la potenziale tossicità di materiali e/o vernici con cui sono realizzati.

I masticativi ideali sono quindi primariamente quelli naturali come carne essicata, corna di cervo, ossa di pelle di manzo, pelle di maiale, orecchie bovine, nerbi di bue e così via che oltre a non essere tossici e ad essere naturalmente riconosciuti anche olfattivamente come “cibo” contribuiscono al meglio proprio a quell’attività masticatoria naturale in grado di attivare i processi sopra descritti e quindi a migliorare il benessere psicofisico generale del cane e certamente anche il rapporto col loro umano di riferimento.